#F2F2F2

maruzza220218Bisceglie. Domenica 4 marzo alle 19.00, l'appuntamento alle Vecchie Segherie Mastrototaro, si associa a quanto ospiterà il Garibaldi venerdì 2, accogliendo il secondo spettacolo di un dittico teatrale, testimonianza del prezioso lavoro che coltivano a Napoli Antonella Romano e Rosario Sparno. E se il Comunale di Bisceglie proporrà un’operina dedicata a Ria Rosa, sciantosa napoletana degli anni venti, Linea d’Onda ha scelto di ospitare MARUZZA: cunto di mare e ferro.

Antica forma di narrazione siciliana, il nostro cunto si svolge su un’isola abitata da sirene e uomini forti, che richiama i personaggi dell’Odissea di Omero, e si snoda tra magia, fantasia e realtà sullo sfondo di leggende arcaiche e superstizioni sicule di fine ‘800 e inizio ‘900. Una storia mostruosa e seducente come lo sono le storie antiche dove cielo e mare s’incontrano. Una donna ricama con le sue mani sculture di ferro; un uomo dona lucentezza a quelle sculture con acqua di mare. “Il cunto” è condiviso, sussurrato, nella lingua incantevole di Andrea Camilleri, che è musica per chi vuole raccontare, per chi desidera ascoltare e farsi compagnia.

Attenti a non tagliarsi con quel filo che cuce, che fila e che sfila ed ha sapore di ferro, di mare e di vendetta.
Le modalità di partecipazione sono quelle consuete. Riservati ai soci di Linea d’Onda e a chi socio vorrà farsi, gli appuntamenti prevedono la prenotazione via email (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o telefonica (338.1425827). Confermata la dimensione conviviale che da sempre li caratterizza, associando agli spettacoli quegli ingredienti che prima e dopo favoriscono l’incontro, lo scambio, l’amicizia animando un vivaio di spettatori partecipanti.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna


maruzza220218Bisceglie. Domenica 4 marzo alle 19.00, l'appuntamento alle Vecchie Segherie Mastrototaro, si associa a quanto ospiterà il Garibaldi venerdì 2, accogliendo il secondo spettacolo di un dittico teatrale, testimonianza del prezioso lavoro che coltivano a Napoli Antonella Romano e Rosario Sparno. E se il Comunale di Bisceglie proporrà un’operina dedicata a Ria Rosa, sciantosa napoletana degli anni venti, Linea d’Onda ha scelto di ospitare MARUZZA: cunto di mare e ferro.

Antica forma di narrazione siciliana, il nostro cunto si svolge su un’isola abitata da sirene e uomini forti, che richiama i personaggi dell’Odissea di Omero, e si snoda tra magia, fantasia e realtà sullo sfondo di leggende arcaiche e superstizioni sicule di fine ‘800 e inizio ‘900. Una storia mostruosa e seducente come lo sono le storie antiche dove cielo e mare s’incontrano. Una donna ricama con le sue mani sculture di ferro; un uomo dona lucentezza a quelle sculture con acqua di mare. “Il cunto” è condiviso, sussurrato, nella lingua incantevole di Andrea Camilleri, che è musica per chi vuole raccontare, per chi desidera ascoltare e farsi compagnia.

Attenti a non tagliarsi con quel filo che cuce, che fila e che sfila ed ha sapore di ferro, di mare e di vendetta.
Le modalità di partecipazione sono quelle consuete. Riservati ai soci di Linea d’Onda e a chi socio vorrà farsi, gli appuntamenti prevedono la prenotazione via email (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o telefonica (338.1425827). Confermata la dimensione conviviale che da sempre li caratterizza, associando agli spettacoli quegli ingredienti che prima e dopo favoriscono l’incontro, lo scambio, l’amicizia animando un vivaio di spettatori partecipanti.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEBtv